Costruire aziende di successo: 4 spunti

Costruire Aziende di Successo come? Per noi è stato un tema ricorrente nel 2016 che abbiamo analizzato in tutte le sue sfaccettature, a fianco ad aziende vincenti,  in gruppi di lavoro, in modo interdisciplinare con altri consulenti e che qui riassumo 4 importanti spunti.

Nel 2016 con i colleghi di Consilio Network abbiamo tenuto interventi, seminari, conferenze e convegni sul tema: Costruire aziende di successo, a cui ho avuto il piacere di partecipare come relatore e  in cui abbiamo cercato di portare qualche spunto sulle motivazioni che rendono un’azienda di successo, sulla base anche della nostra esperienza di Consulenti alle imprese.

Se avete voglia di leggere qualche post dei diversi eventi li trovate sulla nostra pagina Facebook o nella raccolta #costruireaziendedisuccesso su Google+.

Ma bando alle ciance, in questo articolo vorrei illustrare 4 punti che credo saranno fondamentali anche nel 2017 per portare la vostra azienda al successo.

1# ​Cambiare il punto di vista e vedere la crisi come opportunità

​Molto spesso sento imprenditori lamentarsi per via della crisi: “Non riusciamo a vendere. C’è crisi”

In cinese il termine crisi (wēi jī) è composto da due ideogrammi: il primo significa pericolo, il secondo opportunità, partendo dall’assunto che, se cambiamo prospettiva, un momento di crisi può farci cogliere delle opportunità finora inesplorate ed è questo che bisogna fare per uscire dallo stallo in cui si trovano tante imprese, ancora ferme ad aspettare il passare della crisi.

La crisi è un fattore esterno e come tale non governabile, ma che è ormai diventato una componente sociale ed economica che sarà difficile far mutare nel breve periodo.

Durante l’evento “Costruire Aziende di Successo nel mondo che cambia” di ottobre a Milano 2 ho voluto presentare i dati Istat degli ultimi 20 anni che illustrano che la crisi non è un fenomeno estemporaneo, ma purtroppo parte della nostra economia dell’ultimo decennio e di conseguenza un fenomeno con cui fare i conti nella costruzione e nello sviluppo del proprio business.

La crisi, volenti o nolenti, sta segnando l’economia italiana da quasi 10 anni e purtroppo inizia a diventare una scusa per le aziende che non vogliono evolversi.

In un’epoca come la nostra non si può pensare di avere risultati diversi se si continuano a fare le stesse cose.

Senza la crisi non sarebbero nate aziende milionarie dal nulla come Airbnb, Uber, Bla Bla car, non sarebbe nata la sharing economy.

Airbnb ha milioni di stanze, ma non ha stanze proprie, Uber non ha taxi, Bla Bla car non ha auto, Facebook non ha contenuti propri. Nel nuovo paradigma anche la proprietà prende una valenza diversa e gli assets di valore diventano sempre meno tangibili.

Al contrario però aziende che non hanno reagito al cambiamento sono fallite pensiamo a Kodak o a Blockbuster.

2# Il cambiamento sociale, tecnologico, digitale è sempre più veloce

Le aziende che sono in difficoltà è perché non sono ancora riuscite ad accogliere questo cambiamento.

Nell’evento che abbiamo tenuto a Cento insieme al collega Stefano Vidoni promosso da Banca Centro Emilia e Confindustria Emilia ho voluto iniziare il mio intervento parlando di robotica (trovate qui il video su YouTube) per far capire alle aziende partecipanti che al centro dei cambiamenti c’è la tecnologia.

Il cambiamento tecnologico si porta dietro il nuovo paradigma del digitale: analytics, big data, cloud, Internet of Things fino all’intelligenza artificiale.

Per un’azienda che non nasca come start up basata su queste tecnologie non è facile stare dietro al cambiamento.

3# Trasformazione digitale: cambiare metodi e processi aziendali

La cosiddetta “trasformazione digitale” che chiama tutti e tutto al cambiamento (aziende, persone, infrastrutture, sistemi, applicazioni) ha bisogno di precise risposte, azioni, progetti e strumenti che rispondono in toto alle esigenze di servire una clientela che sempre di più “ragiona” e comunica in ottica digitale.

Trasformazione digitale vuol dire anche ridisegnare le relazioni con i clienti, ma anche con i fornitori attraverso la tecnologia.

Pensiamo ad esempio a quanto le recensioni su siti, i commenti sui blog e l’interazione con la nostra community attraverso i social networks ci diano la possibilità di capire meglio il pubblico a cui rivolgiamo e creare prodotti sempre più specifici per target sempre più specifici, indirizzandoci a delle buyer personas (modelli del nostro cliente ideale con problemi e bisogni ben identificati) piuttosto che a un target generalista.

4# Creare valore per costruire il successo

La parola chiave è valore, ma valore per il nostro cliente potenziale. Cosa conta davvero per lui/lei?

Valore significa riuscire a rispondere alla domanda “Come posso aiutare il mio potenziale cliente con il mio prodotto/servizio a risolvere un suo problema o a semplificare la sua vita”.

Nei prossimi anni il ritmo di introduzione delle innovazioni in qualunque campo è destinato ad accelerare.

Pensiamo ai dispositivi portatili sempre più potenti e di costo decrescente, agli strumenti analitici e ai big data che consentono di gestire masse enormi di dati da cui nascono nuovi servizi e applicazioni, al cloud che offre forme nuove e sempre più capaci di elaborazione e archiviazione.

Innovare è essenziale per portare nuovo valore al proprio cliente.

L’avvento di queste tecnologie e la loro combinazione nei modi più vari rappresenta un’evoluzione in grado di portare effetti estremamente positivi e opportunità straordinarie.

L’innovazione può essere di prodotto o di servizio, ma anche del modello di business che sta alla base dell’azienda, della sua struttura e della sua cultura. Un modello di business, cioè di creare il proprio valore di impresa che probabilmente non le consente più di essere al passo con il mercato.

Riassumendo

Ti auguro che il 2017 possa portarti grandi successi e mi auguro di averti dato qualche suggerimento che si potrà rivelare utile per il tuo business  e per costruire aziende di successo.

Continua a leggere se vuoi qualche altro spunto!

Come buon proposito ti consiglio di approfondire la conoscenza del tuo potenziale cliente e la conoscenza delle nuove tecnologie che ti permettano di innovare la tua azienda o il tuo prodotto o servizio creando quel valore aggiunto per cui il tuo cliente sceglierà te piuttosto che un concorrente e dimenticherà di chiederti il prezzo!

Qualche aiuto per portare il tuo business al successo:

1) Ti consiglio di scaricare il mio ebook sulle Metriche di Marketing vincenti.

Le metriche di marketing da tenere in considerazione per migliorare lo stato di salute della tua azienda e per farla crescere. Tra le metriche ti insegnerò come ridurre il costo di acquisizione del tuo cliente. Allora cosa aspetti a scaricarlo? Clicca qui

 

2) Ti consiglio qualche lettura di marketing che ho trovato molto utile:

>> “Le 22 immutabili leggi del marketing. Se le ignorate, è a vostro rischio e pericolo!” di Al Ries e Jack Trout

>> “Strategia oceano blu. Vincere senza competere” di di W. Chan Kim  (Autore), Renée Mauborgne

>> “La mucca viola. Farsi notare (e fare fortuna) in un mondo tutto marrone” di Seth Godin

 

3) Se hai voglia puoi anche partecipare ad un mio prossimo corso.

Parleremo di come farsi trovare dai clienti online: una giornata di formazione organizzata a Milano. Richiedi le prossime date a info@consilioweb.com

4) Se hai voglia puoi leggere su Pulse anche i miei articoli:

 

>> “Scopri come farti trovare online con il personal branding”

>> “7 Lezioni e 3 Strategie per un Blog di Successo”

 

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Sul blog potrai anche scaricare il modello per creare il tuo personal branding e leggere quali sono le nuove regole dell’epoca digitale. Se questo articolo ti è piaciuto, fammelo sapere con un commento o un mi piace oppure attraverso il mio profilo Linkedin. Grazie!

Image Credit: Flicker @racecadet

Be Sociable, Share!

About Elena Giannopolo

E’ Consulente strategico di Consilio Network, accreditata come Consulente di direzione certificato (Certified Management Consultant). Ha ricoperto incarichi di Marketing Manager e di Brand Manager in aziende multinazionali. Amante delle nuove tecnologie, negli ultimi anni ha approfondito le tematiche di marketing legate al mondo dei nuovi media: web marketing, social media marketing e inbound marketing. È docente in corsi aziendali e in master universitari.

Leave a Comment