L’Italia ritorna leader nell’export

Immagine

La Fondazione Edison ha svolto un’approfondita analisi dell’export italiano nel quadro mondiale con l’obiettivo di identificare le posizioni occupate dai prodotti italiani. Sono stati vagliati ben 5.517 prodotti, attraverso un particolare algoritmo, con cui e’ stato costruito un indice delle eccellenze competitive nel commercio internazionale, detto Indice Fortis-Corradini, dal nome dei suoi autori.

Nel 2011, nonostante la crisi economica, l’export italiano è tornato ai valori del 2008 grazie alla capacità di molti imprenditori italiani di innovare e migliorare la qualità dei loro prodotti.  Le imprese italiane che primeggiano nell’export hanno saputo ritagliarsi una loro nicchia di mercato utilizzando valori quali: creatività, design, innovazione, artigianalità, a ribadire che, nonostante la contingenza economica e la competizione dei paesi a basso costo, le imprese italiane possono puntare sull’export ed essere vincenti.

La forza del made in Italy si ritrova nei macrosettori delle “4 A”: Alimentari-vini, Abbigliamento- moda, Arredo-casa e Automazione-meccanica –gomma-plastica.

Secondo la ricerca sono quasi 1600 i prodotti in cui l’Italia detiene il primato e si classifica nelle prime 5 posizioni nel mondo, a dimostrazione che l’intraprendenza italiana unita alla qualità e alla specializzazione di nicchia porta alla creazione di prodotti di eccellenza.

Be Sociable, Share!

About Elena Giannopolo

E’ Founder di Consilio Network, accreditata a livello internazionale come Consulente di direzione certificato (Certified Management Consultant). Si occupa prevalentemente di Inbound Marketing, la metodologia che permette di trovare clienti attraverso il web e i nuovi strumenti del digitale. Ha ricoperto incarichi di Marketing Manager e di Brand Manager in aziende multinazionali. Si occupa di progetti di marketing strategico e di internet marketing anche come Temporary Marketing Manager all'interno delle aziende clienti. È docente in corsi aziendali e in master universitari.

Leave a Comment